Le 10 spiagge più belle della Sardegna

La Sardegna è famosa per le sue spiagge ma quali sono le spiagge più belle? Quelle imperdibili? Quelle che non posso mancare in una vacanza nell’isola? Proverò a rispondere a queste domande anche se non è facile. Tra calette immerse nella natura, spiagge con sabbia bianca e mare dai colori caraibici la scelta è dura ma questo è il bello della Sardegna, offre soluzioni adatte a chiunque. Sia ai più avventurieri che vogliono scoprire le spiagge più selvagge, a chi cerca una vacanza di relax da fare con amici e famigli, a chi ama l’avventura, i trekking e lo snorkeling. Ho scelte le spiagge che, per me, sono le più belle, quelle che conosco meglio e che più mi hanno colpito. Spero vi possano ispirare per un prossimo viaggi in Sardegna all’insegna dell’avventura e del relax

10 SPIAGGE DA VEDERE IN SARDEGNA

CALA GOLORITZÉ

Cala Golortizè è una delle spiagge più belle e suggestive della Sardegna. Siamo nella zona di Baunei, la parte sud del Golfo di Orosei. Tanto bella e famosa che è diventata una spiaggia a numeroso chiuso per preservarne la bellezza. Dichiarata Monumento Naturale della Regione Sardegna e  Monumento Nazionale Italiano. Molto amata dai climbers per l’arrampicata sportiva. Qua, se si è fortunati, si può vedere il Falco della regina, che ha scelto questa zona per fare il suo nido. Si può raggiungere attraverso un trekking di 10 km. Il sentiero, nonostante sia segnato, è abbastanza irregolare quindi consigli di farlo solo a chi ha già esperienza come escursionista e di farlo con delle buone scarpe da trekking. Essendo a numero chiuso bisogna scaricare l’applicazione Heart of Sardinia e pagare il ticket di 6€. Altro molto per raggiungere questa bellissima cala della Sardegna è via mare. Si possono affittare dei gommini al porto di Cala Gonone o in alternativa farsi portare da dei traghetti che partono sempre dal porto di Cala Gonone. L’escursione dura tutto il giorno e oltre a Cala Goloritzè il giro comprende anche la visita a Cala Mariolu e Cala Luna, altre due piccole spiagge incontaminate che vi lasceranno senza parole, con una permanenza di 2 ore circa in ogni spiaggia. Il prezzo varia a seconda della compagnia e della barca che si sceglie. Per maggiori informazioni vi consiglio di visitare il sito escurisioniacalagonone.it

CALA FUILI

Cala Fuili è una delle poche cale che si può raggiungere in macchina da Cala Gonone. Una volta lasciata la macchina bisogna percorrere una scalinata e passare un piccolo bosco di arbusti e poi si arriva in paradiso. La bellezza di questa spiaggia è qualcosa di incredibile. Ci sono stato per la prima volta la scorsa estate e mi ha lasciato a bocca aperta. Il colore dell’acqua di questa cala spazia dal turchese al verde. Cala Fuili è amata anche dagli appassionati di snorkeling, arrampicata e dei trekking infatti da qui si può arrivare a Cala Luna che dista poco più di 6 km. La spiaggia è molto piccola quindi consiglio di andare la mattina presto per prendere i posti migliori. Cala Fuili come le altre cale citate prima sono luoghi selvaggi e lasciati incontaminati quindi non troverete bar, bagni o servizi di alcun tipo ecco perchè è molto importante arrivare ben attrezzati acqua e cibo.

Potrebbe interessarti: cosa vedere nel Golfo di Orosei in un weekend

TUERREDDA

Tuerredda è una delle meraviglie della Sardegna. Un luogo paradisiaco che si estende per poco più di un chilometro in un’insenatura fra Capo Malfatano e Capo Spartivento. Per raggiungerla si passa per la strada provinciale 71, una strada panoramica di 25 chilometri che propone paesaggi spettacolari. Tuerredda è uno dei simboli della Sardegna non sono per il suo mare ma anche per la sua strana conformazione e per l’isolotto che si trova proprio davanti alla spiaggia, uno mondo a sè raggiungibile a nuoto dove rilassarsi tra le roccie levigate dal mare, lontano dalla calca delle gente. Grazie alla sua conformazione è ben riparata dal maestrale e il mare è quasi sempre calmo.

PUNTA MOLENTIS

maxresdefault (1)

In una guida sulle spiagge della Sardegna non può mancare Punta Molentis, una delle spiagge più belle dell’isola. Utilizzata come location per tantissimo spot pubblicitari Punta Molentis è un posto da cartolina. Acqua turchese, sabbia bianca e luminosa con i colori dalla macchina mediterranea che fanno da cornice. Prende il nome dai resti del nuraghe che si trova sulla collana alle spalle dalla spiaggia. Si può facilmente raggiungere in circa un’ora di auto da Cagliari. Troverete un punto ristoro insieme ad un piccolo stabilimento dove potrete affittare ombrelloni, lettini e attrezzatura balneare come SUP, canoe e pedalò.

Potrebbe interessarti: Consigli pratici per visitare la Sardegna

DUNE DI PORTO PINO

Porto Pino si trova nel sud Sardegna nella zona di Teulada. Una spiaggia incredibile di 600 metri divisa in tre parti. La più bella è sicuramente la terza porzione chiamata is Arenas Biancas (o le dune) un deserto di sabbia bianca soffice e bianca dove si alternano dune di sabbia soffice modellate dal vento. Le dune sfiorano i trenta metri d’altezza. Il contrasto tra il bianco della sabbia e il turchese del mare rende uno scenario molto suggestivo. Salendo sulle dune si può ammirare un bellissimo paesaggio con la vegetazione del sud Sardegna in tutto il suo splendore. Porto Pino non potrà che stupirvi. Chiudete la valigia e tre, due, uno…go!

TORRE DEI CORSARI

DSC00193

Per rimanere in tema deserto come non citare Torre dei Corsari. Si trova nella zona della Costa Verde, una delle coste più selvagge e spettacolari della Sardegna. La particolarità di questa spiaggia, oltre ad essere una delle più grandi di tutta l’isola è sicuramente la sabbia dorata. Davanti al mare ci sono delle grandissime dune che ricordano un deserto in miniatura e rendo questa spiaggia molto particolare e unica. Un mare smeraldo che si fonde con la sabbia dorata in continuo mutamento dal vento e proprio il vento rende Torre dei Corsari una delle mete preferite dai surfisti. Come potete immaginare il mare difficilmente è calmo in questa zona e proprio per questo, spesso, c’è il divieto di balneazione quindi controllate le previsioni per scegliere il giorno giusto in cui andarci.

CALA DOMESTICA

photo_2019-08-29_14-55-12

Cala Domestica si trova nel sul Sardegna a Buggerru nella provincia di Carbonia famosa per le sue miniere ma non solo infatti è una bellissima zona dove scoprire spiagge e cale non troppo conosciute. Uno dei tesori di questa parte della Sardegna è proprio Cala Domestica. Facilissima da raggiungere in auto e con un ampio parcheggio. Il mio consiglio è di non fermarsi alla prima spiaggia ma di seguire il sentiero roccioso, superare il tunner per arrivare in una piccola caletta paradisiaca. Al ritorno consiglio di fermarvi a Masua per ammirare il tramonto con il sole che cade in acqua proprio davanti al Pan di Zucchero.

LA PELOSA

photo_2019-09-27_00-14-42

Avete presente quelle immagini da copertina che si vedono della Sardegna? Ecco La Pelosa è proprio così, una spiaggia che lascia tutti senza parole. Ci sono stato diverse volte perchè è una delle mie spiagge preferite è ogni volta mi lascia a bocca aperta. Molto volte è entrata nella top 10 delle spiagge più belle del mondo e tra le spiagge più belle d’Europa. Acqua limpidissima e sabbia bianca danno vita ad un paradiso tropicale. La sabbia è talmente fine che durante l’estate si può entrare solo con una stuoia così da evitare che si attacchi ai teli da mare e venga portata via.

Potrebbe interessarti anche: Cosa vedere a Cagliari in un weekend

CALA COTICCIO

DSC00274

Tra le calette più belle da vedere in Sardegna c’è sicuramente Cala Coticcio o come viene sopranominata “la piccola Tahiti”. Si trova nell’estremo nord della Sardegna a Caprera, la seconda isola più grande dell’arcipelago della Maddalena. Rocce rosate e arbusti fanno da cornice ad una vera e propria piscina naturale. Per salvaguardare l’ecosistema di questo piccolo paradiso è stato deciso che potrà essere visitata solo da 60 persone al giorno, su prenotazione e solo con una guida turistica. Vi consigli di contattare Eleonora, una guida ambientale del posto che vi farà apprezzare ancora di più questa meraviglia della natura.

SCOGLIO DI PEPPINO

La spiaggia lo Scoglio di Peppino è una delle più famose e frequentate della Sardegna. Prende il nome da un pescatore che portava sempre lì la figlia e le insegnava i secreti della pesca. Un giorno, Peppino si sentì male, la figlia urlò e chiese aiuto. Arrivò l’unica persone presente in spiaggia, un ragazzo con lo stesso nome del padre, Peppino che dove aver soccorso il padre se ne andò. Dopo diversi anni i due si ritrovano ad una festa, si allontanano per andare verso le lo scoglio e poi nessuno li vede più. Lo Scoglio di Peppino ha la forma di una grande tartaruga di granito bianco che sta al confine tra il comune di Muravera e di Castiadas tra la spiaggia di Santa Giusta e la Spiaggia delle Ginestre.

_______________________________________________________
_______________________________________________________

Zaino da viaggio: Wayks
Lista degli accessori da viaggio
Fino a 25€ gratis per attivare gratuitamente la carta Hype (la carta che uso quando viaggio)

2 pensieri riguardo “Le 10 spiagge più belle della Sardegna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.